Ray Ban 8307

Ray Ban 8307

Cerca un cinemaDue “coatti” milanesi entrano in una sala in ritardo e con fare arrogante. Sullo schermo guardano Ruggero e Gianluca De Ceglie su una Jaguar: stanno andando al matrimonio del giovane (Biggio) con Fabiana. L’incipit de I 2 soliti idioti, sequel del blockbuster imprevisto della scorsa stagione (12 milioni di euro di incasso), condito dalle contumelie di De Ceglie sr.

In seguito alla sua morte, il piccolo Peppino comincia a immaginarne la presenza, e di questo supereroe fantasma dal naso aquilino e dal forte accento napoletano fa il suo unico amico fidato. Quando la madre Rosaria entra in depressione dopo aver scoperto che il marito la tradisce, sarà infatti lui, più che i due zii giovani e incoscienti o i tre piccoli pulcini donati dal padre fedifrago, a insegnargli come trovare il proprio posto nel mondo. Continua.

Cosa nota ma è bene ribadirlo. Se si cerca un erede convincente della grande tradizione della commedia all’italiana, quello è indubbiamente Paolo Virzì. Lo è per attitudine, scrittura, sguardo. 2. One of the rules of OLO is ‘Do not flame’. I found several inflammatory comments: ‘I didn’t bother reading the rest of the article.

Soprattutto la vita facile e chic. Il protagonista sta per sposarsi: poi, entra nella sua vita una donna così diversa, così elegante, così nuova per lui, da farlo vacillare nel suo amore proprio alla vigilia del “sì”.L’amico del protagonista interpretato da Michele Alhaique ha il volto bello di Primo Reggiani. Continua Appena una settimana fa, Ricky Tognazzi ha portato al Festival di Roma un film tratto da un romanzo di Giancarlo De Cataldo dedicato alla figura paterna: Il padre e lo straniero.

Raccontare la vicenda dell’USS Indianapolis è di per sé meritevole, perché questa storia poco conosciuta nel resto del mondo rappresenta un vulnus nella memoria di molti statunitensi: c’era bisogno di ricordare come sono andate veramente le cose e di riabilitare pubblicamente la figura del capitano McVay, come già fece il presidente Clinton nel 2000. Ma proprio per questo sarebbe stato necessario sollevare interrogativi e suscitare riflessioni alte (come fa Sully) e sintonizzarsi con la dimensione metaforica della storia narrata (come fa Titanic), facendo leva sull’enorme valenza simbolica di un incrociatore apparentemente inaffondabile, per di più nel contesto di un conflitto mondiale. Van Peebles perde questa occasione limitandosi a cercare inquadrature originali (buone, ad esempio, le scene di incubo bruscamente interrotto) e a dare spazio ad un cast numeroso che comprende anche Tom Sizemore nei panni di un “secondo” cinematograficamente “cattivo” e Thomas Jane, altrettanto stereotipato, in quelli di un eroico pilota d’aereo.”Voi senza di me non contate nulla, io senza di voi non conto nulla”, cosi esordice il comandante dell pesante Indianapolis McVay (Nicolas Cage) ai suoi uomini nel luglio 1945 alla partenza da San Francisco per una missione segreta.

Lascia un commento