Novita Ray Ban

Novita Ray Ban

Dal 1988 al 1994, Borensztein ha vinto numerosi premi tra cui il prestigioso Martin Fierro (l’Emmy argentino) e il premio Ondas, assegnato alla migliore serie di lingua spagnola nel mondo.Negli anni 90 ha creato quasi una dozzina di serie TV, tra cui El Garante che ha vinto decine di premi tra cui quattro premi Martin Fierro e una nomination per l’Emmy.Nel 2000 Borensztein ha vinto in Argentina il premio Konex, come uno dei cinque migliori registi del decennio. Nello stesso anno crea la serie Tiempo finale che non solo ha battuto tutti i record in Argentina, ma è stata trasmessa in oltre 50 paesi. Tiempo finale è stato anche nominato per un Emmy.Borensztein ha iniziato la sua carriera lavorando in pubblicità con McCann Erisckon, Ogilvy e ha diretto spot televisivi per il mercato Latino Americano.

Briefly, here’s my take on things. We need to think of the divine attributes in two categories: moral attributes and amoral attributes. The moral attributes are those attributes that speak of God’s morality justice, mercy, love, goodness, kindness, etc.

Ebbene sì, Kusturica è uno dei bagliori del cinema più potenti degli Anni Ottanta e Novanta, una vera rivelazione, colui che ha la capacità di mostrare in un’unica inquadratura un intero mondo. Che sia esso l’universo incastonato in una fetida città sotterranea oppure quello sguardo risvegliato quasi da angelo e politico pur ritenendosi senza patria sulla guerra. Ma tutto sempre con un distacco fortissimo dal realismo, dove però riescono comunque a emergere temi come: l’infanzia segnata dalla violenza e dalla volgarità del mondo degli adulti o la cultura della povertà.

Con Mario Giordano che in via eccezionale fa da spalla a Luca Telese e con Massimo Giletti, ospite di questa seconda parte di programma e conduttore de L’Arena, parliamo della polemica scoppiata a Roma e in tutta Italia in seguito alla proposta di dedicare una via a Giorgio Almirante, segretario MSI. E Luca Telese invita gli ascoltatori ad elencare i nomi delle vie che preferiscono e di quelle che, per motivi politici o culturali, proprio non sopportano. L’elenco sembra infinito, da via Lenin a via Cadorna, da via Garibaldi a via Tito!.

Ne è un segno il Rinnovamento carismatico, che nel 2017 celebra il 50 anniversario dell’inizio: la dimostrazione più evidente considerando la vastità del fenomeno “del risveglio dello Spirito e dei carismi nella Chiesa”. E ne sono un segno i trattati teologici sullo Spirito moltiplicatisi dopo la fine del Concilio: dallo stesso Congar, a Rahner, Mhlen e von Balthasar, tra i cattolici; da Moltmann a Welker, tra i luterani. Poi l’enciclica di Giovanni Paolo II “Dominum et vivificantem” e i due volumi “Credo in Spiritum Sanctum” della LEV che raccoglievano gli atti del Congresso internazionale di Pneumatologia del 1982, in Vaticano..

Lascia un commento