Occhiali Ray Ban Neri

Occhiali Ray Ban Neri

Successivamente, sarà accanto a Franco Franchi in Tango blu (1987) e dotata di una recitazione nervosa, istrionica e molto femminile sarà scelta per piccoli ruoli in Soldati 365 all’alba (1987) con Alessandro Benvenuti, Intervista (1987) di Federico Fellini con Marcello Mastroianni (dove interpreterà il ruolo di un’attrice), Acque di primavera (1989) con Nastassja Kinski e Un’altra vita (1992) di Carlo Mazzacurati.Migliore attrice con Verso SudNel 1992 arriva il suo primo ruolo da protagonista per il film Verso Sud, nel quale veste i panni di una ragazza madre occasionalmente prostituta che si innamora di un ladruncolo e sequestrano il figlio di lei in un istituto. Il suo volto è perfetto per questo ritratto bordeline altamente sbandato e questo le fa guadagnare il David di Donatello come miglior attrice protagonista e un Nastro d’Argento nella stessa categoria.Continua ad avere ruoli marginali in altri titoli: Cari fottutissimi amici (1994) di Mario Monicelli, Concorso di colpa (2005) con Alessandro Benvenuti e La scuola è finita (2010), salvo poi recitare come protagonista in alcuni film dell’attrice e regista Stefania Casini. Nel 2017 la vedremo nel film di Riccardo Ferrero MMA Love Never Dies.Il successo nel piccolo schermoLa televisione le offre un respiro più ampio e una più vasta gamma di ruoli in fiction (Cuore in gola, Cambiamento d’aria, Il piccolo Lord, Il ritorno del piccolo Lord), imponendola come protagonista in miniserie abbastanza conosciute: La vita che verrà (1999) di Pasquale Pozzessere con Antonio Bruschetta, Margherita Buy, Roberto De Francesco, Stefano Dionisi, Nicola Farron, Valeria Golino, Arnaldo Ninchi, Andrea Occhipinti, Karin Proia, Silvio Orlando e Claudio Santamaria; Cuore (2001) di Maurizio Zaccaro con Giulio Scarpati, Anna Valle e Leo Gullotta; Il bello delle donne (2001 2003) di Maurizio Ponzi, Lidia Montanari, Luigi Parisi e Giovanni Soldati con Massimo Bellinzoni, Stefania Sandrelli, Giuliana De Sio, Gabriel Garko, Virna Lisi, Pino Colizzi, Nancy Brilli ed Eva Grimaldi; Lo zio d’America (2002) di Rossella Izzo con Christian De Sica, Ornella Muti, Eleonora Giorgi, Paolo Conticini, Rosanna Banfi, Giulia Steigerwalt; e Maria Josè L’ultima regina (2002) di Carlo Lizzani con Barbora Bobulova, Claudio Bigagli, Ennio Fantastichini e Urbano Barberini.

Dopo la saga di Peter Jackson Lo Hobbit, veste ancora una volta i panni di Watson in Sherlock L’abominevole sposa (nei cinema a gennaio 2016) e spiccherà nell’interpretare l’assicuratore Lester Nygaard nella serie Tv Fargo (andata in onda tra il 2014 e il 2015) che gli darà ulteriore notorietà e lustro con le numerose nomination attribuire alla sua performance.Nel 2016 è presente anche in Captain America: Civil War, accanto a Robert Downey Jr., Chris Evans e Scarlett Johansson e in Whiskey Tango Foxtrot.”Quando mi fermano per strada di solito mi chiamano Watson” , afferma Martin Freeman, a Roma per presentare il thriller Ghost Stories di cui è coprotagonista. “Qualcuno mi chiama ancora Bilbo Baggins, c’è chi mi ricorda per il ruolo di Tim Canterbury in The Office o per quello di Lester Nygaard in Fargo. I fan gli si avvicinano e gli chiedono un autografo (che lui concede con grazia) e selfie (che invece detesta), perché Martin Freeman è uno di quegli attori britannici meravigliosamente accessibili nonostante la fama internazionale.

Lascia un commento