Ray Ban Occhiali Goccia

Ray Ban Occhiali Goccia

Nel 1971 arriva all’attenzione del pubblico con il ruolo di Frank Ligourin in Una squillo per l’ispettore Klute di Alan J. Pakula, con Jane Fonda e Donald Sutherland, e lo stesso anno ottiene una nomination all’Oscar vestendo i panni del detective Buddy ‘Cloudy’ Russo nel poliziesco Il braccio violento della legge, che gli porta il ruolo del detective Buddy Manucci nel poco apprezzato Squadra speciale (1973). Neanche ne Lo squalo (1975) Scheider si scrollerà di dosso la parte di “uomo della legge”; come capo di polizia della cittadina marittima Amity, Scheider/Martin Brody tornerà anche nel sequel Lo squalo 2 (1978), ma prima di salvare gli abitanti di Amity dall’attacco degli squali, interpreta un agente della CIA ne Il maratoneta (1976), con Dustin Hoffman.

Alle spalle della pianura costiera un falsopiano ampio un centinaio di kilometri (piedmont belt) sale dapprima gradualmente, fino a 600 m circa, e quindi bruscamente fino alla prima delle dorsali che formano i Monti Appalachi, allungati per circa 2500 km in direzione SO NE. L ha addolcito tutte le forme e la dorsale più elevata è quella della Blue Ridge, dove il Monte Mitchell supera appena i 2000 m. Oltre lo spartiacque, l ha colmato gran parte delle valli, formando il Cumberland Plateau.

Pur allontanandosi dal suo paese, T. Non dimenticò mai l’amore per la sua eterna passione, cioè il jazz. Il film ottenne diversi riconoscimenti tra cui anche il Premio César della musica nel 1987. Negli ultimi tre mesi abbiamo visto arrivare al cinema ben cinque pellicole che avevano al centro l’automobile, pronte per inseguire in tre di essi (Drive Angry 3D, Fast Furious 5 e il cannense Drive) e animate in due (Cars 2, Transformers 3).Macchine che scappano dagli inferi, che trainano caveau, che scortano criminali, che indagano crimini internazionali e che sventano una possibile conquista del pianeta Terra. Tra tutti gli usi possibili l’auto sembra trovare la vera centralità cinematografica non tanto quando è effettivamente centrale (Transformers 3 o Cars 2) ma quando è supporto d’eccezione a uomini d’eccezione. Che trasporti Nicolas Cage e il suo parrucchino, il silenzioso driver o il team Toretto, il cinema delle automobili, solitamente garanzia di velocità in tutti i sensi (per questo Refn che gira inseguimenti raggelati, in grado di rispettare i limiti di velocità cittadini, è un genio), rimane uno dei generi americani più puri.In una pellicola dove si prevedono disastri le distruzioni devono essere spettacolari e devastanti.

Lascia un commento